Il lato oscuro del clenbuterolo

0
103

Il clenbuterolo non è uno steroide anabolizzante, ma uno stimolante del gruppo dei simpaticomimetici. Questa famiglia comprende composti ben noti alla maggior parte delle persone, tra cui caffeina, efedrina, albuterolo, anfetamine, cocaina e molti altri. Si tratta di un gruppo molto ampio di farmaci, tutti correlati tra loro. Tutti gli stimolanti sono simili tra loro e agiscono in modo analogo. L’effetto del clenbuterolo sul sistema nervoso si esplica attraverso l’interazione con gli adrenorecettori presenti nei vari tessuti e cellule dell’organismo. A causa dell’affinità del clenbuterolo con questi recettori, si verificano vari effetti, la cui natura dipende dal tipo di tessuto stimolato. Particolare attenzione è rivolta al ruolo del clenbuterolo nel tessuto adiposo.

Nell’organismo sono presenti due tipi principali di adrenorecettori, i recettori alfa e beta. All’interno di questi due diversi tipi esistono 9 sottotipi, in particolare alfa-1, alfa-2, beta-1, beta-2 ecc. Il clenbuterolo e gli altri stimolanti differiscono per la loro capacità di stimolare i diversi sottotipi di recettori. Il clenbuterolo ha un forte effetto stimolante selettivo sugli adrenorecettori beta-2 ed è pertanto noto come agonista dei recettori beta-2. L’effetto del clenbuterolo sui beta-2 adrenorecettori innesca la scomposizione dei grassi con il rilascio di acidi grassi liberi (lipolisi). Questo l’ha resa popolare tra i culturisti e gli atleti, oltre che tra le celebrità e tutte le persone che vogliono perdere peso.

Effetti collaterali del clenbuterolo

Poiché il clenbuterolo non è uno steroide anabolizzante, non presenta gli effetti collaterali normalmente associati a questo gruppo di farmaci. Tuttavia, il clenbuterolo presenta effetti collaterali comuni a tutti i composti della classe degli stimolanti. Pertanto, molte delle reazioni avverse del clenbuterolo sono più o meno le stesse della caffeina, dell’efedrina e di altri stimolanti. Il clenbuterolo può anche produrre reazioni avverse uniche, non comuni ad altri composti della famiglia degli stimolanti. Nel nostro negozio online è possibile acquistare il clenbuterolo vendita a basso prezzo.

Una reazione indesiderata unica, spesso causata dall’uso del clenbuterolo, è rappresentata dai crampi muscolari. Un effetto collaterale simile si osserva con il composto correlato Albuterolo. Il motivo è l’esaurimento dell’aminoacido taurina nell’organismo causato dal clenbuterolo. Alcuni studi hanno confermato che l’uso di clenbuterolo comporta una riduzione dei livelli di taurina nei muscoli e nel plasma. Questo aminoacido, come il magnesio, il potassio e il sodio, è importante nella regolazione degli impulsi nervosi e dei segnali che controllano la contrazione e il rilassamento di tutti i tipi di muscoli. Quando la taurina diventa insufficiente, possono verificarsi contrazioni muscolari involontarie, spesso intense e dolorose, che portano ai crampi. È stato dimostrato che l’integrazione di taurina con una dose giornaliera di 2,5-5 g contribuisce a ridurre gli effetti collaterali.

Come stimolante, il clenbuterolo ha effetti significativi sul miocardio e sulla funzione cardiovascolare. Tuttavia, esistono prove aneddotiche che dosi elevate di clenbuterolo favoriscono la crescita muscolare e migliorano la funzione cardiaca nell’insufficienza cardiaca cronica. Allo stesso tempo, le dosi di farmaco utilizzate nello studio possono essere considerate estreme e il loro uso potrebbe non essere sicuro. Esistono prove di un aumento del rischio di ischemia miocardica con l’uso di clenbuterolo, associato a un flusso sanguigno inadeguato al cuore a causa della vasocostrizione arteriosa indotta dal farmaco. Uno studio sui ratti ha rivelato gli effetti miotossici del clenbuterolo, che portano alla morte del muscolo cardiaco e cambrile. Sebbene nello studio siano state utilizzate dosi molto elevate, questo effetto è senza dubbio dovuto agli effetti del clenbuterolo.Accept Reject

ZANECHAT ODPOVĚĎ

Please enter your comment!
Please enter your name here